#Francigena

litteratour website

#Francigena

Azzurra d'Agostino

Impronte-Welcome to San Gimignano

Io creo, io faccio, io produco. Questo il significato etimologico all'origine della parola Poesia. La poesia piú che fare qualcosa crea un fare comune. Questo "fare insieme" è il legame che mi unisce oggi a questo luogo di artigiani che creano con le proprie mani opere e oggetti simbolo di un luogo, di una comunità: San Gimignano tappa lungo la #viafrancigena, da percorrere con lentezza.

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Duccio Nacci

Impronte

Danza dei pini sul mare.

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Carolina Taddei

Impronte-Welcome to San Gimignano

Seconda tappa di oggi lungo il percorso sulla #viafrancigena ad accogliere storie che vengono da fuori. Insieme alla scrittrice Francesca Matteoni per parlare della passione delle persone che lavorano a San Gimignano. Insieme a musicisti e attori in questo Teatro all'italiana il cui palco è leggemente piú alto perchè nasconde sotto di se un bellissimo pianoforte gran coda.

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Stefano Stampa

Impronte-San Gimignano

Sono un tessitore, mi piace vestire le persone. Aprire il telaio è aprire la bocca, la tela è la parola.

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Francesca Matteoni

Impronte-Welcome to San Gimignano

Mi piace pensare che tutto ciò che scrivo è una specie di fiaba che racconto a me stessa. Forse ci si salva nella vita vedendo le cose come sono e trovando le parole per raccontarsi ancora una fiaba. Ho sempre raccontato storie al bambino piú piccolo di me. Sono nata a Pistoia, dove di volpi ne ho viste tante ecco perchè nella copertina del mio libro vedete una volpe, protagonista della favola e un po mio alter ego. In questo romanzo si inizia cadendo nel sonno e si finisce nel sogno. Come in tutte le fiabe bisogna trovare la strada, l'aiutante magico che ti toglie tutto e così ti da te stesso.

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Giovanni Boccaccio

Decamerone III novella VIII giornata

Maso rispose che le più si trovavano in Berlinzone, terra de' Baschi, in una contrada che si chiamava Bengodi, nella quale si legano le vigne con le salsicce e avevasi un'oca a denaio e un papero giunta; ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevan che far maccheroni e raviuoli e cuocergli in brodo di capponi, e poi gli gittavan quindi giù, e chi più ne pigliava più se n'aveva; e ivi presso correva un fiumicel di vernaccia, della migliore che mai si bevve, senza avervi entro gocciola d'acqua...

Pubblicato da ToscanaLtour

#Francigena

Folgore da San Gimignano

Sonetti dei mesi

E di dicembre una città in piano: sale terrene e grandissimi fuochi, tappeti tesi, tavolieri e giuochi, torticci accesi e star co' dadi in mano;

Pubblicato da HCaron

Table of Contents